Ecco la seconda parte dell’articolo sui chakra. Se ti è piaciuta la prima parte non esitare ad iscriverti alla newsletter per ricevere sulla tua mail i prossimi articoli sui singoli chakra e i relativi esercizi per equilibrarli. Se non hai ancora letto la prima parte ti consiglio di farlo!

Dove eravamo rimasti…

Manipura

chakra-del-plesso-solare

Manipura è il terzo chakra e l’elemento a esso collegato è il fuoco. Il colore che lo rappresenta è il giallo. Quando sentiamo un forte desiderio di raggiungere un obiettivo, proviamo la sensazione di avere un fuoco che brucia dentro il nostro stomaco. Questa è l’energia di Manipura che si esprime. Qui risiede il nostro potere personale, la forza di volontà e l’autostima. Da qui nascono in noi la capacità di agire e di sistemare le cose, il coraggio e la perseveranza necessari a trasformare la nostra vita in un esistenza pacifica ed equilibrata. Quando questo chakra è equilibrato ci sentiamo energici e pronti all’azione. La fiducia nelle nostre capacità è forte e ben gestita perché ci sentiamo unici, meritevoli e spontanei. Questo chakra regola e controlla i muscoli, la digestione (stomaco, pancreas e fegato) e fa da termostato interno.

Un sovraccarico di energia di Manipura può portare a un eccessivo controllo, che si può manifestare manipolando gli altri per raggiungere i propri scopi personali. Da questo punto nascono sentimenti di collera, rabbia, aggressività, sfiducia e il desiderio di prevaricazione. Si sente il bisogno di farsi notare e si brama la fama e la conquista. Se manca il fuoco interiore invece, ci si sente in balia degli altri ed è facile essere manipolati. Si cede il proprio potere ad altre persone, con il rischio di stare male e non sentirsi all’altezza delle aspettative. Questo porta a danneggiare la propria autostima e a contribuire alla disintegrazione della propria personalità. Inoltre si può avere la sensazione di non disporre di abbastanza energia per mettere in pratica le proprie idee. Ciò produce indecisione, ipersensibilità alle critiche, sfiducia in se stessi e a volte anche depressione. Nel corpo fisico si manifestano disturbi legati alla digestione, intolleranze varie, problemi di zucchero e diabete, paralisi e spasmi muscolari.

Equilibrare questo chakra ti permette di riprendere in mano il tuo potere personale, di non essere più in balia degli eventi e di disporre dell’energia necessaria a realizzare le tue aspirazioni e i tuoi sogni. Inoltre sarai più rispettato e le persone vorranno prendere esempio dalle tue azioni.

Domande da porsi per capire se il tuo chakra è disarmonico:

  • Ho difficoltà a prendere decisioni per la mia vita?
  • Ho bisogno di avere ragione ad ogni discussione?
  • Ho poca forza di volontà? Tendo perciò a controllare gli altri in modo maniacale?
  • Mi faccio condizionare dalle opinioni degli altri?

Anahata

chakra-del-cuore

Anahata è il quarto chakra ed è legato all’elemento aria. Il suo colore è il verde. È il chakra che collega il regno fisico a quello spirituale, la porta di passaggio che muove le energie del cosmo nei chakra più bassi e viceversa. L’energia di Anahata sprigiona la capacità di donare incondizionatamente l’amore racchiuso nel nostro cuore. Non importa cosa gli altri dicano o facciano, se hai questo chakra armonico ed equilibrato sei consapevole che ogni cosa è perfetta così come la vedi. Trovi amore in ogni cosa e lasci fuori il giudizio dal tuo mondo. Sei consapevole che non hai diritto di giudicare le azioni altrui, perché sai che ognuno ha bisogno di fare la propria esperienza. Nel nostro corpo Anahata regola il cuore e i polmoni.

La disarmonia di questo chakra può far si che gli avvenimenti spiacevoli diventano schemi mentali negativi, che si manifestano nel corpo in veri e propri disturbi fisici. Quando è iperattivo può darsi che ci si senta soli e diventa difficile tornare alla realtà. Questo accade perché il timore di essere feriti è sempre presente. Se invece l’energia di Anahata è bassa ci si sente pesanti e privi di ogni gioia, possessivi, gelosi ed egoisti. Nel corpo si possono manifestare disturbi ai polmoni quali asma, polmonite, bronchite cronica, dolori alla zona dorsale se non addirittura cancro ai polmoni o al seno.

Quando Anahata è in equilibrio senti in te un sincero amore verso te stesso e verso il mondo. Ogni cosa si colora di un colore più accesso e diventi consapevole e compassionevole.

Domande da porsi per capire se il tuo chakra è disarmonico:

  • Riesco ad esprimere le mie emozioni dal cuore?
  • Sono dipendente emotivamente dagli altri?
  • Come posso guarire le mie ferite e avviare un cambiamento positivo?
  • Sono aggrappato al dolore? È davvero necessario?

Vishuddha

chakra-della-gola

Vishuddha è il chakra della gola ed è il ponte tra il cuore e la mente. Il suo colore è l’azzurro. L’elemento ad esso collegato è l’Etere (spazio) ed è il centro della comunicazione. L’Etere è la materia nella sua forma più pura ed è l’elemento che pervade ogni cosa, anche tutti i chakra visti fino ad ora.

Quando un’idea nasce da un’intuizione, ha bisogno di essere manifestata a parole ed è qui che l’energia di Vishuddha si manifesta. Da qui nasce la capacità di comunicare alle persone i nostri sentimenti, le nostre verità e i nostri desideri. Quando questo chakra è equilibrato, siamo in grado di dare consigli e prestare maggiore ascolto alle persone. Inoltre dona la capacità di passare del tempo in silenzio, comprendendo il vero valore di questa attitudine. Il quinto chakra nel nostro corpo è legato all’espressione artistica dei cinque sensi: pittori, musicisti, cantanti, scrittori, insegnanti, scultori e attori hanno piena padronanza di questo chakra e manifestano la loro arte in maniera intuitiva e senza sforzo (cosa che vista dagli altri sembra un’impresa colossale).

Uno squilibrio di questo chakra porta con sé mancanza di comunicazione, incomprensione, menzogne, mezze verità e ipocrisia. Tutto ciò intralcia sia la comunicazione sia la capacità di battersi per ciò in cui si crede e per i propri sogni. Inoltre la tendenza al pettegolezzo, al fumo, all’alcolismo ed eccessi dell’alimentazione, sono altre forme di squilibrio di questo chakra. Nel corpo si manifestano dei disturbi alla gola, difficoltà nel linguaggio, balbettio, stress per cose non dette (es. al capo dell’azienda per cui lavori).

Domande da porsi per capire se il tuo chakra è disarmonico:

  • Mantengo le promesse?
  • Comunico agli altri i miei disagi e le mie opinioni? 
  • Sono incline ai pettegolezzi?
  • Uso le parole per ferire le persone?

Ajna

chakra-del-terzo-occhio

Ajna è il sesto chakra ed è chiamato anche chakra del terzo occhio. Il colore associato a questo chakra è l’indaco. Questo è il nostro centro di comando, che controlla e amministra i nostri sensi, la nostra energia vitale, la mente conscia e la mente subconscia. Il perfetto equilibrio di questo chakra permette di vivere in maniera equilibrata, senza essere incline agli eccessi, e di mantenere la mente controllata gestendo facilmente i pensieri malsani. Questa è la sede del discernimento, dell’intelligenza emotiva, della percezione della realtà e della saggezza. Questa è la fonte dell’intuito e della percezione psichica. Quando il cuore e la mente sono in armonia e in equilibrio, puoi sentire una forte spinta verso il raggiungimento dei tuoi obiettivi. Ajna governa gli occhi, le orecchie, il naso e la base del cranio.

Se l’energia di Ajna è debole si può essere inclini a dimenticare le cose, temere il proprio successo e comunicare in modo mediocre. Se al contrario il chakra ha un’energia eccessiva si tende a fidarsi poco del proprio intuito e a cadere in atteggiamenti critici e autoritari. Le persone di questo tipo mostrano una razionalità eccessiva e credono solo a ciò che vedono con i loro occhi, cosa che lascia poco spazio all’apertura mentale. I disturbi legati allo squilibrio di Ajna sono emicrania, capogiri, mal di testa cronico, confusione mentale, insonnia e sinusite acuta.

Equilibrare l’energia di Ajna ti darà forte intuizione e la consapevolezza di vivere in perfetta armonia con te stesso e con ciò che ti sta attorno. Inoltre sarai più comprensivo e percepirai nei tuoi problemi un ulteriore opportunità di crescita.

Domande da porsi per capire se il tuo chakra è disarmonico:

  • Riesco a vedere le cose da un punto di vista più ampio?
  • Quando analizzo una situazione sono troppo razionale?
  • La mia mente è in accordo con il mio cuore?

Sahasrara

chakra-della-corona

Sahasrara è chiamato anche chakra della corona o dai mille petali e il suo colore è il viola. Questo chakra connette la coscienza individuale alla consapevolezza infinita. Questo è il ponte da dove il Prana o energia vitale giunge dal cosmo per arrivare nei chakra inferiori. Se completamente risvegliato diventa il chakra più mistico e la sua luce viene paragonata a quella di migliaia di soli. L’obiettivo della meditazione è indirizzare l’energia dormiente nel primo chakra, verso tutti i chakra superiori fino ad arrivare a Sahasrara. A questo punto l’illusione di essere separati dal resto dell’universo svanisce.

Quando il chakra della corona è squilibrato si ha un eccessivo egocentrismo e una visione troppo ristretta della realtà. Si vive senza meraviglia per il creato e si ha poca riconoscenza per il proprio essere. Inoltre ci si identifica solamente come corpo materiale senza intuire che c’è qualcosa al di là di esso. Si è inclini a rimanere nella zona comfort senza nessuno stimolo di scoprire il mondo e i suoi tesori.

Meditare su questo chakra ti permette di aprire i tuoi canali e di comprendere in maniera profonda le persone e la conoscenza intuitiva. Inoltre percepirai la tua essenza spirituale e ti sentirai Uno con il resto dell’universo.

Domande da porsi per capire se il tuo chakra è disarmonico:

  • Bramo i beni materiali?
  • Sono aperto ai messaggi intuitivi?
  • Chi sono io?

love and gratitude

Questo articolo, insieme alla prima parte, sono una piccola introduzione al potere che racchiudono i nostri chakra. Prossimamente pubblicherò altri articoli su ogni singolo chakraSe hai intrapreso un percorso di crescita spirituale ti invito a seguire il blog, perché ti potremo dare tanti spunti di riflessione ed agevolare ulteriormente la tua crescita! Se hai voglia di condividere il nostro post ti siamo davvero grati! Con Amore e Grazie!

Namasté

love and gratitude

Inspirato dal libro Meditazione sui Chakra di Swami Saradananda