stazione di servizio idrogeno

La rete di stazioni di rifornimento di idrogeno in Germania è in crescita: Daimler, Linde, Total, e il Centro per l’energia solare e di ricerca sull’idrogeno Baden-Württemberg (ZSW) ha ospitato congiuntamente l’apertura ufficiale di un altra pompa di combustibile a idrogeno di Ulm. Dopo le aperture presso l’area di servizio autostradale Geiselwind, in due sedi a Berlino, e una stazione a Fellbach, Baden-Württemberg, i partner hanno ora compiuto un ulteriore passo verso una rete più grande di distribuzione a livello nazionale di Idrogeno Liquido.

21 le stazioni operative

Dal 2008 a oggi, il governo tedesco ha investito più di 100 milioni di euro nel Program for Hydrogen and Fuel Cell Technology (NIP): al momento, nel Paese le stazioni operative sono 21, mentre quelle in via di costruzione sono 50.

Nelle stazioni di servizio esistenti presenti in diverse regioni metropolitane di Berlino, Amburgo, il Reno / Ruhr, Stoccarda e Monaco, circa sei milioni di persone stanno già usufruendo del servizio. Sette stazioni si trovano solo nel Baden-Württemberg, ed è stata pianificata la costruzione di altre cinque stazioni nella regione.

Nell’ambito del programma di espansione NIP, Daimler e Linde stanno partecipando a un totale di 20 nuove stazioni H2 con un investimento complessivo di circa € 20 milioni (US $ 22,2 milioni). Total gestisce la pompa di idrogeno a Ulm e ha già pagato per la sua costruzione.

Situato sulla base di ZSW sul Helmholtzstraße, la nuova stazione è parte del gruppo Clean Energy Partnership (CEP). Alla sua apertura ufficiale hanno partecipato i rappresentanti di alto livello delle società interessate, così come i rappresentanti del governo federale e il Ministero dell’ambiente del Baden-Württemberg.

Mercedes-Benz al centro della scenamercedes-benz hydrogen

Doppia alimentazione. Dopo la Classe B F-CELL, la Mercedes-Benz sta preparando un nuovo modello a idrogeno basato sulla GLC: la vettura sarà lanciata nel 2017. Christian Mohrdieck, responsabile del programma Fuel Cell di Daimler, ha confermato che si tratterà di una fuel cell ibrida plug-in in grado di abbinare l’alimentazione a idrogeno con quella elettrica, grazie a un pacco di batterie da 9 kWh ricaricabile tramite connettore.

Prestazioni di un pieno di Idrogeno

I veicoli leggeri con 1 kg di idrogeno oggi percorrono 100 km, hanno livelli di autonomia al passo con le altre vetture (500-750 km con un pieno) e i tempi di rifornimento sono inferiori ai 5 minuti. E i motori a fuel cell rilasciano nell’atmosfera solo vapore acqueo.

Non solo Germania

mini a idrogeno

Oltre alla Germania, In Italia si è dato il via il progetto in cui 27.000 veicoli a idrogeno saranno messe sul mercato entro il 2025 e oltre 8 milioni entro il 2050 ed è prevista la costruzione di 5.000 stazioni su tutto il territorio nazionale.

Inoltre nella provincia di Bruxelles è già operativa la prima stazione a idrogeno olandese e Toyota Mirai è diventata realtà. Anche a Londra hanno già aperto la prima stazione ad Idrogeno. Altra notizia importante viene dalla Norvegia nella città di Sandvika: un edificio ad energia positiva, capace grazie al fotovoltaico di generare il doppio di quanto consuma, utilizzerà l’energia in eccesso per la produzione in loco di idrogeno, che verrà impiegato dalla stazione di ricarica per veicoli fuel cell adiacente.

Queste sono alcune delle iniziative lanciate per eliminare il surriscaldamento globale che è a livelli critici e un passo fondamentale per mettere alle strette le aziende petrolifere e costringerle ad adeguarsi. Questo cambiamento sarà lungo e lento ma come ogni cosa c’è bisogno di tempo per poter rendere globale questo cambiamento positivo e migliorare così la vita sul nostro pianeta. Confidiamo nel buon senso delle persone e che oltre a questi paesi, ci siano altri governi pronti a imitare questo cambiamento per il bene di tutti.

fonte: Greencarcongress